Oscar Giannino Fare per fermare il declino: interazioni post Facebook

Ieri ho messo insieme dei dati relativi all’andamento del profilo Facebook e Twitter di FARE per fermare il declino, movimento politico guidato da Oscar Giannino. In più ho azzardato qualche considerazione, non sul movimento ma sul prestigio e il lavoro svolto da Giannino prima di questo impegno politico.

Il post è qui.

Ora vorrei vedere invece quali sono stati post apparsi sul profilo Facebook di FARE che hanno riscosso maggior successo. I dati ancora una volta sono relativi al breve periodo dal 6/2 al 10/2, e pertanto è da intendere come i post più vecchi abbiano maggior possibilità di essere commentati e condivisi.

Non a caso il post coi i numeri migliori è proprio del 6 febbraio e riguarda la campagna tesseramento (2659 tra commenti condivisioni e like). E, non a caso, ci sono pochi commenti (cosa vuoi commentare?) ma molte condivisioni e like.

Altro post che ha riscosso molto successo è stato quello che riguarda l’IMU e l’impossibilità di credere a quanti dicono di cancellare la tassa dopo averne sostenuto l’introduzione. Il post, (2399 interazioni) è arricchito da un video di Giannino. Anche qui pochi commenti (74) e molti like (1543).

Post che hanno ricevuto un grande successo sono stati quelli relativi all’Antimeeting di Milano di sabato 9 febbraio. Questi posto sono arricchiti da foto dell’evento, evidenziando così maggiormente la partecipazione della gente. Partecipazione che si fa ancora più attiva nel social network.

Il post con più like di tutti (2610) è quello con una (sola) foto dei rappresentanti che alzano al cielo le braccia nell’intento di spezzare delle catene. Il post con il maggior numero di commenti (233) è quello che ricorda la presenza di Giannino su La7 sabato 9 febbraio. Presumibile che molti abbiano usato la bacheca per dire la loro seguendo il programma o freschi di antimeeting. Un po’ come si fa con twitter. Il post più condiviso, oltre a quello della campagna tesseramento, richiama la cartellonistica ad effetto e tocca un tema fondante della nostra società civile: il rispetto dell’altro. Si fa riferimento quindi a Rosa Parks, la donna di colore che rifiutò di cedere il posto in autobus a un bianco.

 

Annunci

Oscar Giannino – Fare per fermare il declino: andamento Twitter e Facebook

Per le prossime elezioni del 24 febbraio sembra che ancora una volta saremo chiamati a scegliere tra quelle solite facce che ormai ci accompagnano da tempo. Le solite che da anni parlano di cambiamento (soprattutto dopo che l’urlo di Obama si è sentito fin qua) più l’aggiunta di qualche illustre salvatore-dal-baratro che finito il suo mandato tecnico sembra aver assoldato un esercito di comunicatori che gli permettono di fare la guerra delle dichiarazioni a chi questo tipo di scontro bellico l’ha inventato ormai nel lontano 1994. Quando molti in Italia speravano (speravano, non volevano) il cambiamento.

La sinistra (o quella ritenuta tale) dal canto suo ha avuto una buona occasione per cambiare o perlomeno per provare, fare un tentativo. Ma l’opportunità è sfumata.

Altre novità che si affaccia sul palcoscenico del simboli e delle sigle è quella del Movimento 5 stelle di Grillo (o almeno di cui Beppe Grillo è leading vocal): già consolidato uomo di palco, che non deve certo imparare a portare in giro gli altri politici.

C’è poi un tizio curioso che molti italiani hanno imparato ormai da tempo a vedere in tv che risponde al nome di Oscar Giannino. Un tipo che a vederlo sembra proprio controcorrente rispetto alla politica incipriata alla quale siamo stati abituati. Un tipo che quando parla si ha l’impressione che abbia veramente capito ciò che sta dicendo.

Gironzolando in rete e un po’ dappertutto ci si stupisce di quanto Giannino e il suo team siano stati bravi a coinvolgere da subito un gran numero di persone che hanno realmente voglia di cambiare, e che si trovano in sintonia con programma (che leggiamo qui) ma soprattutto che nella vita sono mossi da quel verbo che campeggia autorevole nel simbolo e nei principi del partito: FARE. Con una precisazione che chiama evidentemente all’appello e non permette di rimandare l’impegno: FARE per fermare il declino.

I grafici sotto sono relativi all’andamento dei profili Facebook e Twitter di Fare – per fermare il declino, in riferimento al periodo 6 febbraio – 10 febbraio.

 

 Immagine

Andamento profilo Twitter Fare – per fermare il declino

tweet follower

06-feb

2625

29902

07-feb

2718

30361

08-feb

2758

30598

09-feb

2935

31349

10-feb

2960

31723

Per quanto riguarda il profilo Facebook è evidente che l’andamento dei Mi piace sia in tendenza positiva e soprattutto è decisamente notevole l’interazione degli utenti. Anche i follower di Twitter crescono e bisogna notare una costante e fertile attività da parte del team nel costruire comunicazione.

A questo punto un’osservazione mi deve essere concessa. Giannino non è nato ieri, lo abbiamo visto molte volte in tv, abbiamo letto i suoi articoli, è stato in politica in passato, ha diretto allegati economici di quotidiani nazionali, ha parlato in radio e via dicendo. Lo scopriamo oggi? Giannino non ha trovato la ricetta del Fare in un vecchio libro dimenticato in soffitta: è una vita che parla. Ora un mucchio di giovani volenterosi lo seguono: bene. Ma dove eravate quando Giannino si incaponiva perché la gente non riuscisse a capire le questioni base di quell’oramai dimenticato “referendum sull’acqua”?  E il Chicago blog? Giannino è “sanamente” liberista da una vita e forse il suo grande merito oggi, è quello di aver avvicinato al liberismo anche gente che ne era lontana e che per principio non avrebbe mai letto nulla di Giannino perché scritto su Libero o perché con tanta passione ci ha ricordato che la questione non era la “privatizzazione dell’acqua”.