Instagram vende le nostre foto dal 16 gennaio

[Anzi, dice che non lo farà, ma ogni considerazione social  è valida comunque.]

Che le nostre, azioni, spostamenti, sogni e desideri, serate, vacanze e hobby fossero diventati pubblici lo sapevamo. E non che la cosa finora ci abbia dato fastidio. Anzi, una volta diffusi gli strumenti (fotocamere digitali in ogni borsa, smartphone in ogni tasca) e gli ambienti social (network sociali di ogni risma) non abbiamo fatto altro che correre dietro ad ogni novità figa e risolutiva (nei sensi più ampi e utilizzabili dei termini).

Ma quanti, anche tra i più entusiasti, non hanno mai pensato che prima o poi una scelta vera e consapevole avremmo pur dovuto farla, noi miseri utenti: decidere se veramente ce ne freghiamo della privacy e quindi di tutto ciò che mettiamo in rete purché ci sia una reward (un like, un commento, un retweet, …) oppure ci siamo lasciata prendere un po’ la mano e forse sarebbe il momento di smetterla.

E forse il momento sta arrivando? Instagram è stata acquistata da Facebook – e questo lo sappiamo – per un sacco di soldi ed ora il social network di Zuckerberg (che è il social network di 1 miliardo di persone) ci dice che le nostre foto – quelle che abbiamo su Instagram e che postiamo su Facebook – dal 16 gennaio possono essere tranquillamente vendute a terzi, senza che si venga messi al corrente.

Interessante. Se dieci anni fa in Italia ci avesse chiesto se avremmo voluto oppure no, beh, non ci sarebbe stata ombra di dubbio: questa diavoleria sarebbe potuta andare al diavolo. Ma oggi, che Facebook e Instagram fanno parte della nostra vita …

Già, è vero possiamo cancellare il nostro account Instagram (per esportare le foto si può usare Instaport) ma … lo faremo? E poi, io un’altra domanda me la faccio: i tipi di Facebook sono così dannatamente sciocchi da spendere un mucchio di soldi per Instagram e poi vederlo sgonfiarsi di utenti e contenuti? E non per mancanza di appeal intendiamoci, ma per un “invito alla fuga” ….

Chi vuole cancellare il proprio account Instagram, può riflettere su questa pagina.

Certo, dopo che Instagram ha deciso di “allontanarsi da Twitter” gli utenti si erano già indispettiti e adesso che lo stesso Twitter lancia la sua applicazione per le foto si può immaginare che alcuni faranno a meno di Instagram. La rete è libera, si dice, e quindi liberi siamo di usare il servizio che vogliamo.

Sono certo che molti utenti Instagram non verranno nemmeno a conoscenza della maldestra decisione. Altri la dimenticheranno. Altri ancora se ne fregheranno. E credo che già siamo al 50%.

Aspettiamo quindi di trovare la bella tavolata della cena di classe con ragazzi e ragazze in tiro per dimostrare l’occasione persa al compagno/a corteggiato per anni, in una foto sul sito dell’importante ristorante della riviera. Ma in fondo, le pagine Facebook dei locali sono già piene di foto che ci ritraggono più o meno consenzienti, più o meno consapevoli.  E che in qualche modo costituiscono pubblicità per il locale e che possono essere usate da chiunque.

Ammettiamolo: già siamo stati educati alla nostra pubblicazione, con immenso piacere e divertimento. Che qualche uso in più, e magari photoshoppato ci farà arrabbiare così tanto, per ora, da farci cancellare da Instagram proprio durante le feste di Natale quando abbiamo un mucchio di cose a cui pensare. Come fare le foto, postare, scartare i regali, taggare, fare le foto, uscire a cena, fare le foto, commentare, condividere, …

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...